Home / Preeclampsia o Gestosi: cos’è, sintomi, cause, cura

Preeclampsia o Gestosi: cos’è, sintomi, cause, cura

La preeclampsia o gestosi è una malattia che si verifica solo durante la gravidanza e il periodo post-partum e colpisce sia la madre che il nascituro.

Colpisce almeno il 5-8% di tutte le gravidanze, è una condizione di rapida progressione caratterizzata da ipertensione e solitamente dalla presenza di proteine nelle urine.

Gonfiore, aumento di peso improvviso, mal di testa e cambiamenti nella visione sono sintomi importanti, tuttavia, alcune donne con malattia in rapida evoluzione segnalano pochi sintomi.

Tipicamente, la preeclampsia si verifica dopo 20 settimane di gestazione (nel tardo 2 ° o 3 ° trimestre o gravidanza medio-tardiva) e fino a sei settimane dopo il parto (dopo il parto), anche se in rari casi può verificarsi prima di 20 settimane. Una corretta cura prenatale è essenziale per diagnosticare e gestire la preeclampsia. L’ipertensione indotta da gravidanza (PIH) e la tossiemia sono termini superati per la preeclampsia. La sindrome di HELLP e l’eclampsia (convulsioni) sono altre varianti della preeclampsia.

A livello globale, la preeclampsia e altri disturbi ipertesi della gravidanza sono una delle principali cause di malattie materne e infantili e di morte. Secondo stime prudenti, questi disturbi sono responsabili di 76.000 decessi di madri e 500.000 bambini ogni anno.

Segni e sintomi

È solo un sintomo di gravidanza o qualcosa di più?

La gravidanza è un momento confuso. Il tuo corpo sta attraversando un sacco di cambiamenti e può essere difficile dire che cosa è normale e che cosa è una bandiera rossa.

Ulteriori informazioni sui segni e i sintomi della preeclampsia, della sindrome di HELLP e di altri disturbi ipertesi della gravidanza possono aiutarvi a identificare precocemente un problema e a garantire il miglior risultato possibile.

Alcune caratteristiche del preeclampsia sono segni che possono essere misurati, ma che possono non essere evidenti, come l’alta pressione sanguigna. Un sintomo è qualcosa che si può sperimentare e riconoscere, come un mal di testa o la perdita della vista.

Nessun Sintomo

La Preeclampsia è una grave condizione di gravidanza, e può essere particolarmente pericoloso perché molti dei segni sono silenziosi, mentre alcuni sintomi assomigliano a effetti “normali” della gravidanza sul vostro corpo. Molte donne che soffrono di preeclampsia non si sentono male, e può essere sorpreso o diventare frustrato quando vengono ricoverati in ospedale o prescritto riposo in quanto si sentono ancora bene.

L’alta pressione sanguigna è un segno importante di preeclampsia. La malattia è a volte indicato come un killer silenzioso, perché la maggior parte delle persone non può “sentire” la pressione sanguigna in aumento. Di conseguenza, la consapevolezza dei segni di avvertimento da parte dei pazienti è uno degli strumenti più importanti di cui disponiamo per aiutare le donne a ricevere l’assistenza di cui hanno bisogno. Vi invitiamo a familiarizzare con i segni ei sintomi qui inclusi per rafforzare se stessi e / o gli altri durante la gravidanza.

Cosa puoi fare…

Un’adeguata cura prenatale è essenziale per non perdere gli appuntamenti. La pesata, il controllo della pressione sanguigna e la ricerca di proteine nelle urine, importanti per il rilevamento della preeclampsia, devono essere effettuati ad ogni visita prenatale. Non abbiate paura di interrogare l’assistente se uno di questi test viene omesso.

Una buona dieta prenatale ricca di vitamine, minerali e i gruppi di alimenti di base sono importanti per ogni gravidanza, così come la riduzione del consumo di alimenti trasformati, zuccheri raffinati e caffeina. L’eliminazione dell’alcool e di qualsiasi farmaco non prescritto dal medico è essenziale. Segnala tutti i farmaci prescritti da altri medici al tuo fornitore di cure prenatali in modo che questi prodotti possano essere controllati per quanto riguarda il loro uso sicuro durante la gravidanza. Parlate con il vostro operatore sanitario prima di assumere qualsiasi integratore nutrizionale, a base di erbe o altro. Anche se non vi è alcuna prova che questi comportamenti sani e scelte impatto preeclampsia, che ottimizzano la vostra salute per la migliore gravidanza possibile.

Alta pressione sanguigna (ipertensione)

L’alta pressione sanguigna durante la gravidanza è una delle più grandi bandiere rosse che preeclampsia può essere in via di sviluppo. E anche se non è un sintomo di preeclampsia, può comunque essere un segno di un problema.

Per alta pressione sanguigna si intende tradizionalmente una pressione sanguigna pari o superiore a 140/90, misurata in due occasioni distinte, a distanza di sei ore l’una dall’altra. Durante la gravidanza, un aumento del numero inferiore (diastolica) di 15 gradi o più, o un aumento del numero superiore (sistolica) di 30 gradi o più può anche essere motivo di preoccupazione.

Cosa puoi fare…

Conoscere la pressione sanguigna prima della gravidanza, soprattutto se è normalmente considerato basso. Chiedete “Qual è la mia pressione sanguigna” durante ogni visita prenatale presso il vostro medico.

Tenere un registro della pressione sanguigna, presa alla stessa ora ogni giorno e nella stessa posizione. Condividere il registro con l’operatore sanitario ad ogni visita e comunicargli immediatamente se si riscontra un aumento significativo tra una visita e l’altra.

È possibile acquistare il proprio monitor della pressione arteriosa presso la maggior parte delle farmacie, e alcuni di questi negozi hanno un monitor disponibile per l’uso, anche se non sono sempre affidabili. Se si possiede un proprio monitor, farlo calibrare con quelli utilizzati nell’ufficio del provider.

Per maggiore precisione, le misurazioni della pressione arteriosa devono essere effettuate in posizione seduta, con il bracciale posizionato sul braccio sinistro a livello del cuore. “(“La tua pressione sanguigna: conosci le basi”)

Si prega di notare che i monitor domestici non sono sempre accurati come quelli utilizzati nelle cliniche o negli ospedali. Le letture a domicilio non dovrebbero mai sostituire le visite prenatali, né una lettura “normale” dovrebbe significare che si possono ignorare altri sintomi della preeclampsia.

Alcuni operatori sanitari vi consiglieranno il riposo in letto, anche se non è stato dimostrato che possa fare la differenza nei risultati. Alcuni ritengono che questo aiuti a limitare i potenziali fattori di stress che potrebbero contribuire ad aumentare la pressione sanguigna. Durante la gravidanza tardiva, si può essere consigliati di sdraiarsi sul lato sinistro per evitare restrizioni su alcune vene che potrebbero anche contribuire ad aumentare la pressione sanguigna. Gli operatori sanitari non sempre concordano sui vantaggi di mentire dalla propria parte, ma non vi sono prove di danni.

Si può prendere in considerazione la possibilità di consultare uno specialista in gravidanze ad alto rischio. Questo Trova medico può essere d’aiuto.

Proteina nelle urine (Proteinuria)

Proteinuria, un altro segno di preeclampsia, è il risultato di proteine, normalmente limitate al sangue dal ruolo di filtraggio del rene, versando nelle urine. Questo perché il preeclampsia danneggia temporaneamente questo “filtro”. L’albumina, così come molte altre proteine, si perdono in questo modo.

Un semplice test con l’asta di livello delle urine ad ogni controllo prenatale può controllare la presenza di proteinuria, anche se altri metodi possono essere utilizzati in cliniche e studi medici, come un rapporto Proteina:Creatinina (PCR) o una raccolta temporizzata di urina.

Cosa puoi fare…

Durante ogni visita prenatale, chiedere al proprio medico i risultati dell’esame delle urine. Un’infermiera avrà immerso una striscia di reagente in un campione di urina. Una lettura di proteine in tracce è relativamente comune e di solito non è una causa di concertazione

Mal di testa

Mal di testa spento o grave, palpitante, spesso descritto come l’emicrania, come che solo non andrà via sono motivo di preoccupazione.

Cosa puoi fare…

Se avete provato ad assumere farmaci da banco senza sollievo, se il mal di testa è molto doloroso, avete sensibilità alla luce, o se il mal di testa è accompagnato da cambiamenti della vista (si prega di leggere la sezione sottostante su “Cambiamenti di vista”) chiamare immediatamente il vostro fornitore e chiedere di vederlo quel giorno.

Nausea o Vomito

La nausea o il vomito sono particolarmente significativi quando l’insorgenza è improvvisa e dopo la metà della gravidanza. “La “malattia mattutina” dovrebbe scomparire dopo il primo trimestre e l’improvvisa comparsa di nausea e vomito dopo la metà della gravidanza può essere collegata alla preeclampsia.

Cosa puoi fare…

Chiamare il proprio fornitore di assistenza. Nausea o vomito possono essere confusi con l’influenza o problemi della cistifellea, in modo da insistere su come ottenere la pressione sanguigna controllata e controllare l’urina per proteinuria.

Dolore addominale (zona dello stomaco) e / o dolore alla spalla

Questo tipo di dolore addominale, spesso chiamato dolore epigastrico o dolore al quadrante superiore destro (URQ), è di solito sotto le costole sul lato destro. Può essere confuso con bruciore di stomaco, problemi alla cistifellea, influenza, indigestione o dolore da parte del bambino che calcia. Il dolore alla spalla è spesso chiamato “dolore di riferimento” perché si irradia dal fegato sotto le costole destra. Il dolore lombare è diverso dal ceppo muscolare comune alla gravidanza, perché di solito è più acuto e specifico. Il dolore alla spalla può sembrare che qualcuno ti stringa profondamente lungo il reggiseno o sul collo, oppure può essere doloroso sdraiarsi sul lato destro. Tutti questi sintomi di dolore possono essere un segno della sindrome di HELLP o un problema correlato nel fegato.

Cosa puoi fare…

Il dolore in quest’area dovrebbe essere preso molto sul serio; non respingerlo e andare a letto. Chiamare immediatamente il proprio medico.

Dolore lombare

Il dolore lombare è una lamentela molto comune della gravidanza. Tuttavia, a volte può indicare un problema con il fegato, soprattutto se accompagna altri sintomi di preeclampsia.

Cosa puoi fare…

Leggi anche Stomaco e Dolore alla Spalla Destra (sopra) e menziona questo sintomo al tuo operatore sanitario. Se questo dolore accompagna uno o più degli altri sintomi, chiamare immediatamente il proprio medico.

Aumento di peso improvviso

L’aumento di peso di più di 2 libbre in una settimana può essere un indicatore di preeclampsia. I vasi sanguigni danneggiati permettono all’acqua di penetrare e rimanere più acqua nei tessuti del corpo e di non passare attraverso i reni da escrerire.

Cosa puoi fare…

Non cercate di perdere peso durante la gravidanza limitando la vostra dieta. Mangiare una dieta sana ed equilibrata, che includa frutta e verdura fresche e crude, la vostra vitamina prenatale e un integratore di acido folico è importante per tutte le gravidanze. Evitare di salare eccessivamente. Prima di rimanere incinta, raggiungere un peso sano (un BMI di 30 o meno), dal momento che l’obesità ha dimostrato di aumentare le possibilità di ottenere preeclampsia.

Dato che la preeclampsia è una malattia complessa, le donne la svilupperanno per diversi motivi. Una dieta sana ed equilibrata e un peso ottimale possono fare una differenza significativa per alcune donne. Tuttavia, si consiglia cautela quando si considerano diete volte a perdere peso o sostenendo di prevenire preeclampsia che incoraggiano grandi quantità di proteine. Proteine dietetiche eccessive possono causare problemi nelle donne con malattie renali sottostanti.

Assicurarsi di bere quantità sufficienti di liquidi, di solito dettate dalle normali sensazioni di sete, e di eseguire regolarmente una moderata quantità di esercizio fisico. Durante le visite prenatali non cercate di mascherare l’aumento di peso saltando la colazione, usando pillole dietetiche o digiunando per il giorno. Un peso accurato è vitale per una diagnosi corretta.

La Fondazione Preeclampsia riconosce l’importanza di una buona dieta, tuttavia non raccomandiamo alcuna dieta particolare o succo di frutta.

Cambiamenti nella visione

I cambiamenti della vista sono uno dei sintomi più gravi della preeclampsia. Possono essere associati a irritazione del sistema nervoso centrale o essere un’indicazione di gonfiore del cervello (edema cerebrale).

I cambiamenti di visione più comuni includono sensazioni di luci lampeggianti, aure, sensibilità alla luce o visione sfocata o punti.

Cosa puoi fare…

Se si verifica uno di questi cambiamenti nella vista, è necessario contattare immediatamente il proprio fornitore di assistenza sanitaria o recarsi direttamente in ospedale. Questi sintomi sono molto gravi e non devono essere lasciati incustoditi, nemmeno fino al mattino seguente.

Iperreflessia

L’iperreflessia si verifica quando i riflessi sono così forti che quando il ginocchio viene colpito da un “martello” di gomma, la gamba rimbalza all’indietro. L’iperreflessia è generalmente causata da una reazione eccessiva del sistema nervoso involontario alla stimolazione.

I riflessi profondi del tendine sono aumentati in molte donne prima dei grippaggi, ma i grippaggi possono anche accadere senza iperreflessia.

Cosa puoi fare…

Questo segno è generalmente misurato da un operatore sanitario e altrimenti difficile da osservare da soli. Come mal di testa e cambiamenti visivi, iperreflessia può indicare cambiamenti nel sistema nervoso. Il vostro operatore sanitario vi comunicherà se è preoccupato e se è un’indicazione, insieme ad altri segni e sintomi, che si dovrebbe andare in ospedale.

Se siete in trattamento con solfato di magnesio per prevenire le crisi, il vostro operatore sanitario può anche testare i vostri riflessi per monitorare per la necessità di avviare, regolare o interrompere il trattamento con magnesio. Una dose eccessiva di solfato di magnesio può sopprimere o rallentare eccessivamente i riflessi.

Respiro corto, ansia

Respiro corto, un impulso da corsa, confusione mentale, un senso accresciuto di ansia, e un senso di imminente sventura possono essere sintomi di preeclampsia. Se questi sintomi sono nuovi, potrebbero indicare un’ipertensione o, più raramente, un accumulo di liquidi nei polmoni (edema polmonare).

Cosa puoi fare…

Se questi sintomi sono nuovi, contattare immediatamente il proprio fornitore di assistenza sanitaria. Se avete sperimentato queste condizioni prima della gravidanza, assicuratevi di menzionarle al vostro fornitore di cure durante la vostra prossima visita in modo che possano essere monitorate durante tutta la gravidanza.

Durante la gravidanza, è importante ascoltare il vostro intestino. Se qualcosa non va, affidatevi al vostro istinto e chiamate il vostro fornitore di assistenza sanitaria. Non abbiate mai paura di chiamare e discutere di qualcosa di insolito. Un buon operatore sanitario non sarà mai troppo impegnato per affrontare le vostre preoccupazioni. Gli esiti peggiori della preeclampsia (gestosi) possono essere evitati con un riconoscimento precoce.

Come viene trattata la preeclampsia?

Molti fattori guidano la decisione di un operatore sanitario su come gestire la preeclampsia o gestosi, tra cui l’età gestazionale e la salute del bambino, la salute generale e l’età della madre, e un’attenta valutazione di come la malattia sta progredendo. Ciò include il monitoraggio della pressione sanguigna e la valutazione dei risultati degli esami di laboratorio che indicano la condizione dei reni, del fegato o della capacità di coagulazione del sangue della madre. Altri test controllano la crescita del nascituro e/o se sembra in pericolo. Quando la gravidanza è inferiore alle 37 settimane, il caregiver di solito cerca di guadagnare tempo, ma se 37 settimane o più tardi, il fornitore di servizi spesso sceglie di partorire il bambino.

L’operatore sanitario controllerà la presenza di segni di instabilità nella madre, tra cui pressione sanguigna molto alta che non risponde ai farmaci antipertensivi, segni i reni e / o fegato stanno fallendo, e un numero ridotto di globuli rossi o piastrine. I fornitori inoltre osservano attentamente per le indicazioni di un attacco imminente o segni il cervello è circa colpo e possono trattare il paziente con solfato di magnesio (un anticonvulsivante utilizzato specificamente per la preeclampsia). Se la pressione sanguigna aumenta a livelli pericolosi, possono essere usati farmaci antipertensivi.

Se il bambino non cresce abbastanza, o non cresce affatto, o ottiene scarsi risultati in uno “stress test”, potrebbe non sopravvivere se viene lasciato in utero. Anche se il bambino è molto prematuro, il parto può essere necessario se la malattia non può essere stabilizzata per proteggere la madre o garantire la sopravvivenza del bambino.

Chi si ammala più facilmente di preeclampsia?

La Preeclampsia o gestosi e altri disturbi ipertesi della gravidanza si verificano nel 5-8% di tutte le gravidanze di donne che non hanno fattori di rischio noti (vedi sotto). E ‘più facile che si verifichi durante la prima gravidanza. I fattori di rischio più significativi per il preeclampsia sono:

  • Precedente storia di preeclampsia
  • Gestazione multipla (cioè gravidanza con più di un bambino)
  • Anamnesi di ipertensione, diabete, malattie renali o trapianto cronico di organi
  • Prima gravidanza
  • Obesità, in particolare con indice di massa corporea (IMC) pari o superiore a 30. Calcola qui il tuo BMI.
  • Età superiore a 35 anni o inferiore a 20
  • Storia familiare di preeclampsia (cioè, una madre, una sorella, una nonna o una zia hanno avuto il disturbo)
  • Sindrome ovarica policistica
  • Lupus o altri disturbi autoimmuni, tra cui artrite reumatoide, sarcoidosi e sclerosi multipla
  • Fecondazione in vitro
  • Malattia delle cellule falciformi

Cosa fa il preeclampsia?

La preeclampsia può causare un aumento della pressione sanguigna e mettere a rischio di lesioni cerebrali. Può compromettere la funzionalità renale ed epatica e causare problemi di coagulazione del sangue, edema polmonare (liquido polmonare), crisi epilettiche e, in forme gravi o non trattate, morte materna e infantile. Preeclampsia colpisce il flusso sanguigno alla placenta, spesso portando a bambini più piccoli o prematuri. Ironia della sorte, a volte i bambini possono essere molto più grandi, ma gli scienziati non sono sicuri che la causa è stata la preeclampsia. Mentre la morte materna per preeclampsia è rara nel mondo sviluppato, è una delle principali cause di malattia e di morte a livello globale per le madri e i bambini.

In che modo la preeclampsia influenza la gravidanza?

La Preeclampsia o gestosi è spesso silenziosa, presentandosi inaspettatamente durante un controllo della pressione sanguigna di routine e test delle urine. In questo caso, se il bambino è considerato “a termine” (a partire da 37 settimane) e il tasso di crescita è considerato normale, il bambino viene partorito e la madre viene monitorata e rispedita a casa come di consueto.

L’impatto della preeclampsia è più profondo se si verifica in precedenza durante la gravidanza, o in una donna che aveva la pressione alta prima della gravidanza. Per tenere sotto controllo la pressione sanguigna, gli operatori sanitari possono consigliare l’assenza dal lavoro, il riposo a letto, la somministrazione di farmaci e persino il ricovero ospedaliero. Mantenere il bambino il più a lungo possibile, supponendo che la crescita continui, è preferibile per la salute a lungo termine del bambino.

Purtroppo, l’unica “cura” per la malattia inizia con il parto del bambino e la placenta, che a volte è consigliato prima che la gravidanza va a termine nel migliore interesse della madre. I medici possono prescrivere farmaci antiipertensivi. Se la pressione sanguigna non può essere gestita con farmaci e trattamenti e la salute della madre e/o del bambino è a rischio, alla madre possono essere somministrati steroidi per favorire la maturazione dei polmoni del bambino prima del parto.

Quando si verifica la preeclampsia in gravidanza?

Preeclampsia può comparire in qualsiasi momento durante la gravidanza, il parto e fino a sei settimane dopo il parto, anche se si verifica più frequentemente nel trimestre finale e si risolve entro 48 ore dal parto. La preeclampsia può svilupparsi gradualmente, o manifestarsi all’improvviso, fino a manifestarsi nel giro di poche ore, anche se i segni e i sintomi possono non essere stati rilevati per settimane o mesi.

Può verificarsi una preeclampsia dopo il parto?

In alcuni casi, la preeclampsia non appare fino a quando durante la consegna, o le 48 ore che seguono, ma è stato noto che si verificano fino a sei settimane dopo il parto. Anche se ovviamente non è pericoloso per il bambino, la preeclampsia post-partum è ancora critica per la madre. Il 97% delle donne che muoiono di Preeclampsia muore post-partum. La privazione del sonno, la depressione post-partum, una maggiore attenzione al neonato e la mancanza di familiarità con le normali esperienze post-partum contribuiscono a rendere più facile l’ignorare o la mancanza di indicatori di un problema. Uno qualsiasi dei segni e dei sintomi descritti sopra dovrebbe essere motivo di preoccupazione, e si dovrebbe immediatamente contattare il proprio operatore sanitario se si verifica uno di essi.

Come influisce la preeclampsia sul bambino?

Prematurità

In tutto il mondo, la preeclampsia è responsabile fino al 20% dei 13 milioni di nascite pretermine ogni anno.

Un bambino è considerato prematuro se è nato prima di 37 settimane, ma problemi più gravi si verificano quando un bambino è nato prima di 32 settimane. I bambini nati dopo le 32 settimane nei paesi in via di sviluppo possono avere problemi più gravi rispetto ai bambini nati in paesi ad alta risorsa, poiché in questi paesi spesso mancano le risorse di cui hanno bisogno.

Gli effetti di una nascita precoce possono variare notevolmente. Alcuni bambini possono trascorrere solo un giorno o due sotto stretta osservazione, mentre altri possono trascorrere i primi mesi di vita nella NICU (Neonatal Intensive Care Unit, Unità di Terapia Intensiva Neonatale). Alcuni bambini possono anche avere problemi per tutta la vita come disturbi dell’apprendimento, paralisi cerebrale, epilessia, cecità e sordità.

Avere un bambino prematuro può anche significare molto stress emotivo e finanziario per una famiglia.

Restrizione della crescita intrauterina (IUGR)

La preeclampsia può ridurre il flusso sanguigno verso la placenta della madre, limitando l’apporto di cibo al bambino. Di conseguenza, il bambino può diventare malnutrito ed essere piccolo per la sua età gestazionale. Gli ultrasuoni possono aiutare a identificare l’IUGR.

Molti bambini che soffrono di IUGR possono recuperare il ritardo sulla loro crescita nel giro di pochi mesi, anche se recenti ricerche suggeriscono che i neonati a crescita limitata sono più soggetti a malattie degli adulti tra cui il diabete, insufficienza cardiaca congestizia e ipertensione.

Dei 30 milioni di bambini IUGR nati ogni anno in tutto il mondo, il 15% (4,5 milioni) è associato a preeclampsia.

Le madri non dovrebbero incolpare se stesse o una cattiva alimentazione per IUGR, perché è causata da un fallimento della placenta e non la dieta della madre. Potreste mangiare tutte le cose giuste, ma se la placenta non è in grado di passare le sostanze nutritive lungo, la crescita del bambino soffrirà.

Acidosi

Il bambino sopravvive nell’utero ricevendo sostanze nutritive e ossigeno attraverso la placenta. Preeclampsia compromette la placenta e il corpo del bambino comincia a limitare il flusso sanguigno agli arti, reni e stomaco nel tentativo di preservare l’approvvigionamento vitale per il cervello e il cuore. In caso di esaurimento della riserva di ossigeno del bambino (quando la placenta si stacca o muore), il corpo del bambino può produrre troppo acido lattico. Se si accumula troppo acido lattico, il bambino svilupperà una “acidosi”, diventerà incosciente e smetterà di muoversi. Il parto è essenziale a questo punto, anche se il bambino è prematuro.

Morte

La morte infantile è una delle conseguenze più devastanti della preeclampsia. Negli Stati Uniti, circa 10.500 bambini muoiono ogni anno di preeclampsia e si stima che mezzo milione di persone muoiano in tutto il mondo. Molti paesi non hanno i mezzi per mantenere in vita un bambino prematuro, per cui il tasso di mortalità neonatale in questi paesi è molto più elevato.

I nati morti da preeclampsia (bambini che muoiono in utero dopo 20 settimane di gestazione) sono tra 1.000 e 2.200 negli Stati Uniti sono molto più probabilità di verificarsi con preeclampsia grave, sindrome di HELLP o preeclampsia sovrapposta a ipertensione cronica.

La preeclampsia può apparire e progredire molto rapidamente. Si prega di sbagliare sul lato della cautela e contattare immediatamente il medico o l’ostetrica se si verificano segni di avvertimento di preeclampsia.

Un sistema integrato di assistenza materna e neonatale può ridurre alcuni di questi decessi. Ciò include la diagnosi precoce della preeclampsia, il monitoraggio delle condizioni del bambino, l’uso del solfato di magnesio per prevenire le crisi materne ed eventualmente conferire protezione neurologica al bambino, la somministrazione di steroidi per lo sviluppo polmonare del bambino, la gestione sicura del parto precoce quando necessario, e la fornitura di cure specialistiche per i neonati pre-termine. Tuttavia, in ultima analisi, abbiamo bisogno di più ricerca. Dobbiamo trovare una cura.

Problemi nella vita

La preeclampsia è stata collegata a una serie di sfide per tutta la vita per i neonati nati prematuri, tra cui disturbi dell’apprendimento, paralisi cerebrale, epilessia, cecità e sordità. Con la prematurità si corre anche il rischio di un ricovero prolungato, di dimensioni gestazionali ridotte e dell’interruzione del prezioso tempo di legame per le famiglie. La prematurità stressa un nucleo familiare, e questo stress si aggrava quando anche la madre è malata.

Un sistema integrato di assistenza materna e neonatale può ridurre alcuni di questi decessi. Ciò include la diagnosi precoce della preeclampsia, il monitoraggio delle condizioni del bambino, l’uso del solfato di magnesio per prevenire le crisi materne ed eventualmente conferire protezione neurologica al bambino, la gestione sicura del parto prematuro quando necessario e la fornitura delle cure necessarie per i neonati pretermine. Tuttavia, in ultima analisi, abbiamo bisogno di più ricerca. Dobbiamo trovare una cura.

Qual è la cura?

Attualmente, l’unica “cura” per la preeclampsia inizia con il parto del bambino e la placenta. Quando si sviluppa la preeclampsia, la madre e il suo bambino sono monitorati con attenzione. Ci sono farmaci e trattamenti che possono prolungare la gravidanza, che può aumentare le possibilità del bambino di salute e di sopravvivenza. Una volta che il decorso della preeclampsia è iniziato, non può essere invertito e la salute della madre deve essere costantemente soppesata rispetto a quella del bambino. In alcuni casi, il bambino deve essere partorito immediatamente, indipendentemente dall’età gestazionale, per salvarne la vita alla madre o al bambino.

Diciamo che la cura inizia con il parto perché le donne sono ancora a rischio di preeclampsia o gestosi e altri disturbi ipertesi della gravidanza, dopo il parto. È indispensabile che le madri dopo il parto continuino a monitorare il proprio stato di salute per almeno sei settimane dopo il parto.

La maggior parte dei contenuti di questo sito sono stati tradotti dal sito ufficiale della Preeclampsia Foundation, una comunità di pazienti ed esperti, con una vasta gamma di risorse e supporto per aiutarvi ad avere la migliore gravidanza possibile. Forniamo un sostegno alle persone le cui vite sono state o saranno colpite dalla malattia: madri, bambini, padri e le loro famiglie. Le informazioni su questo sito non sostituiscono il parere di un medico.