Preeclampsia grave: come deve essere stabilito il timing del parto?

Come deve essere stabilito il timing del parto? Le terapie mediche della preeclampsia grave hanno l’obiettivo di stabilizzare la paziente prima dell’espletamento del parto e di prevenire l’insorgenza di complicanze soprattutto materne nei casi in cui sia previsto un comportamento di attesa. Ti consigliamo di leggere: OffertaPiù venduti - Posizione n. …

Leggi tutto »

Preeclampsia severa: è indicato il trattamento antiipertensivo?

E’ indicato il trattamento antiipertensivo in caso di preeclampsia severa?  Il controllo della pressione arteriosa nei casi di preeclampsia grave è utile per prevenire complicanze acute materne soprattutto di tipo cerebrovascolare e cardiovascolare; non è certo invece che il trattamento antiipertensivo possa migliorare la perfusione utero-placentare e ridurre il rischio …

Leggi tutto »

Preeclampsia severa: come si valutano le condizioni materne e fetali?

Come si valutano le condizioni materne e fetali della preeclampsia severa? Al momento dell’ospedalizzazione sono necessarie la conferma diagnostica e la definizione della gravità della condizione clinica materna mediante: Ti consigliamo di leggere: OffertaPiù venduti - Posizione n. 1Più venduti - Posizione n. 1Più venduti - Posizione n. 1 710 Recensioni Il linguaggio segreto dei …

Leggi tutto »

Preeclampsia lieve: che tipo di controllo si deve attuare in travaglio di parto?

Che tipo di controllo si deve attuare in travaglio di parto? Durante il travaglio è necessario misurare la pressione arteriosa una volta all’ora e sorvegliare le condizioni materne (in particolare sintomi premonitori o indicatori di aggravamento rapido). E’ indicata l’esecuzione di CTG in continuo durante la fase attiva del travaglio …

Leggi tutto »

Preeclampsia lieve: quali devono essere il timing e la modalità del parto?

Quali devono essere il timing e la modalità del parto? E’ indicato l’espletamento del parto in presenza di: età gestazionale ≥ 37 settimane peggioramento delle condizioni materne e/o fetali (vedi paragrafo “Preeclampsia grave”) Ti consigliamo di leggere: OffertaPiù venduti - Posizione n. 1Più venduti - Posizione n. 1Più venduti - Posizione …

Leggi tutto »

Preeclampsia lieve: quali devono essere le caratteristiche del controllo clinico-laboratoristico materno?

Quali devono essere le caratteristiche del controllo clinico-laboratoristico materno della preeclampsia lieve? Ti consigliamo di leggere: OffertaPiù venduti - Posizione n. 1Più venduti - Posizione n. 1Più venduti - Posizione n. 1Più venduti - Posizione n. 1Più venduti - Posizione n. 1Più venduti - Posizione n. 1Più venduti - Posizione …

Leggi tutto »

Sindrome di HELLP: cos’è e diagnosi

L’acronimo HELLP fu coniato nel 1982 per descrivere una sindrome caratterizzata da Hemolysisis, Elevated Liver enzyme levels and Low Platelet count. Ti consigliamo di leggere: OffertaPiù venduti - Posizione n. 1Più venduti - Posizione n. 1Più venduti - Posizione n. 1Più venduti - Posizione n. 1Più venduti - Posizione n. …

Leggi tutto »

La sindrome di HELLP: management

Le pazienti in cui si sospetta una sindrome HELLP devono essere ospedalizzate ed osservate con controllo semiintensivo, dato il tipico carattere rapidamente ingravescente della patologia. Il trattamento iniziale prevede: Ti consigliamo di leggere: OffertaPiù venduti - Posizione n. 1Più venduti - Posizione n. 1Più venduti - Posizione n. 1Più venduti …

Leggi tutto »

La sindrome di HELLP: il parto

Il parto deve essere espletato in tutte le pazienti con epoca gestazionale < 24 e > 32 settimane, ed in presenza di sofferenza fetale o gravi complicanze materne (eclampsia, CID, distacco di placenta, insufficienza renale acuta, distress respiratorio, sospetto di ematoma epatico). Nelle pazienti con età gestazionale compresa tra 24 …

Leggi tutto »